Sollevatore a Ventosa

Sollevatore a ventosa per vetro

L’industria del vetro ha origini molto antiche. Se in principio le lavorazioni avvenivano perlopiù artigianalmente, con l’avvento dell’industrializzazione i processi produttivi hanno subito un ammodernamento, il che ha permesso un aumento dei volumi produttivi e, pertanto, ha reso necessaria una maggiore automazione. Lo scopo di tali impianti è sollevare e movimentare in sicurezza i vetri sia nella linea produttiva, sia durante le fasi di installazione e posa in cantiere.

Nell’industria del vetro, la movimentazione delle piccole e grandi lastre è una fase estremamente delicata e importante, poiché prevede molteplici necessità di rotazione e basculamento dei vetri, soprattutto per la posa in opera in cantiere.

Una soluzione pratica e sicura per tutte le necessità di movimentazione di lastre di vetro sono i sollevatori a ventosa, un accessorio sottogancio che si collega all’organo di sollevamento e sfrutta la pressione negativa del sottovuoto per assicurare la presa del materiale.

Il sollevatore a ventosa può essere alimentato tramite pompa del vuoto elettrica o pompa ad aria compressa (tubo Venturi).

 

Struttura del Sollevatore a Ventosa

TELAIO E CIRCUITO DEL VUOTO

Il sollevatore è costituto da un telaio in acciaio elettrosaldato ad alto limite di snervamento con un gancio centrale per il collegamento all’organo di sollevamento. Il gancio può avere differenti fori per permettere una diversa inclinazione del carico.

Oltre alla struttura e alle piastre aspiranti, a bordo macchina è installato il circuito del vuoto, composto da:

  • il serbatoio di sicurezza per riserva vuoto;
  • le valvole di ritegno anticaduta per vuoto;
  • il vuotometro con scale colorate e graduate per monitorare il grado di vuoto raggiunto;
  • il generatore di vuoto (pompa elettrica o ad aria compressa);
  • la valvola di presa e rilascio del materiale;
  • il circuito di distribuzione per vuoto, che si dirama fino alle piastre aspiranti;
  • il sistema di allarme acustico e visivo che segnala automaticamente uno scarso grado di vuoto, segnalando all’operatore se la presa ha raggiunto una condizione di sicurezza.

MANICO

Ogni sollevatore a ventosa è munito di un manico di manovra per direzionare correttamente i movimenti. Quest’ultimo  è dotato di un particolare supporto per la pulsantiera che comanda i movimenti dell’impianto.

 

Ventose per Vetro

La tipologia di piastre aspiranti viene scelta in funzione del tipo di materiale e di superficie: nel caso di ventose per vetro standard, saranno piastre aspiranti in gomma vulcanizzata antiolio.

Sono disponibili forme circolari, rettangolari, quadrate e ovali.

Su richiesta, è possibile installare ventose resistenti alle alte temperature con diversi valori di durezza shore, con caratteristiche di antialone/antimacchia, con guarnizione a soffietto in gomma vulcanizzata o con guarnizione in gomma spugna per superfici irregolari.

Sono disponibili cuffie di protezione per basso emissivo e cuffie di protezione per la gomma delle ventose durante il trasporto e lo stoccaggio a magazzino.

Le ventose variano sia per numero, sia per dimensione, in base alle necessità di sollevamento. Infatti, i sollevatori a ventosa possono essere dotati di due, quattro, sei, otto, dieci, dodici, quattordici e sedici piastre, con portate di sollevamento standard che possono oscillare tra i 200 e i 1600 kg.

È possibile personalizzare le funzioni del sollevatore a ventosa per usi interni, come industrie e laboratori, o esterni, quali la posa di vetri e facciate continue, sempre in conformità alle norme armonizzate UNI EN13155, che specificano i requisiti di sicurezza per le attrezzature di sollevamento.

Le piastre aspiranti possono essere singole o multiple, e anche fisse o regolabili sia longitudinalmente, sia  trasversalmente.

 

Ventose per Vetro: tutte le nostre Soluzioni

Ecco le principali categorie di ventose per vetro:

  • sollevatore a ventosa con alimentazione elettrica e movimenti manuali;
  • sollevatore a ventosa con alimentazione elettrica e movimenti elettrici;
  • sollevatore a ventosa ad aria compressa con movimenti manuali;
  • sollevatore a ventosa ad aria compressa con movimenti pneumatici;
  • sollevatore a ventosa fisso in verticale, adatto a vetri molto grandi, sottili e fragili;
  • sollevatore a ventosa per il sollevamento verticale di vetrocamera;
  • sollevatore a ventosa per vetri curvi;
  • sollevatore a ventosa con batterie ricaricabili e sistema con alimentazione autonomo.

Le soluzioni più flessibili hanno una rotazione 0-360° e un basculamento 0-90°.

OPTIONAL DISPONIBILI PER LA VERSIONE ELETTRICA

Per le versioni elettriche, disponiamo di innumerevoli optional, come ad esempio:

  • doppio o triplo voltaggio, soluzioni particolarmente indicate per le applicazioni in cantiere (220 Volt monofase – 380 Volt trifase – 24 Volt corrente continua);
  • manici ergonomici telescopici o inclinabili;
  • ganci regolabili per esigenze particolari;
  • contrappeso motorizzato per il bilanciamento di grossi carichi;
  • contenitori inforcabili per lo stoccaggio e il trasporto dei sollevatori a ventosa;
  • cavalletti con ruote;
  • telai personalizzati a ingombro ridotto;
  • esecuzioni per pannelli fotovoltaici;
  • ventose aggiuntive mediante prolunghe.

 

Vuoi un Preventivo Personalizzato?

Compila il nostro form di richiesta informazioni e ti contatteremo per fornirti un progetto su misura.

 
captcha
Riscrivi questo codice
Privacy